Mediaset sbarca in Germania: il 9,6% di Prosiebensat.1 per meno di 350 milioni

Obiettivo della tv di casa Fininvest è quello di arrivare a un’alleanza industriale con l’emittente tedesca (presente anche in Austria e Svizzera)

 

mediaset news

 

Mediaset ha rilevato in Germania il 9,6% di Prosiebensat-1 spendendo complessivamente meno di 350 milioni di euro. E’ quanto riferiscono fonti ufficiose a proposito dell’operazione che ha visto il Biscione rilevare una quota della concorrente tedesca, equivalente al 9,9% dei diritti di voto. Obiettivo della tv di casa Fininvest è quello di arrivare a un’alleanza industriale con l’emittente tedesca (presente anche in Austria e Svizzera).

Mediaset, in Germania dopo quota punta ora ad alleanza con Mediaset

Mediaset ha comunicato questa mattina prima dell’apertura di Borsa di avere “acquistato il 9,6% del capitale sociale del broadcaster tedesco ProSiebenSat.1 Media, corrispondente a diritti di voto fino al 9,9% del capitale votante, escludendo le azioni proprie”.

Con l’acquisizione della quota, che non ha natura ostile, Mediaset entra nell’azionariato del gruppo e nell’assemblea con l’obiettivo di guidare il percorso finalizzato a individuare le modalità di alleanza con Prosiebensat, viene spiegato da fonti finanziarie.

L’operazione porta Mediaset ad affiancarsi al primo azionista di Prosieben, cioè The Capital Group con il 9,98%.

I rapporti tra i due gruppi, ha evidenziato la stessa Mediaset nel comunicare la notizia, “sono già proficui e operativi”: Mediaset Italia e Mediaset España sono da tempo alleate con Prosiebensat.1 in European Media Alliance (Ema), un’intesa che mira a sviluppare economie di scala indispensabili per il futuro della tv europea.

Mediaset ha rilevato la quota Prosieben al prezzo di circa 350 milioni di euro

Quanto al prezzo, viene appunto indicato un investimento avvenuto complessivamente a un prezzo inferiore ai 350 milioni.

Una cifra importante, ma che si confronta però con un potenziale di fuoco al servizio di eventuali manovre di M&A che era stato quantificato dal management in 1 miliardo di euro.

Mediaset ha effettuato gli acquisti sul mercato nel corso delle ultime 5-6 settimane, periodo nel quale il titolo trattato sul Dax di Francoforte si è mosso in un range tra 13,7 e 15,5 euro.

Pier Silvio Berlusconi: Mediaset investe nella tv europea

L’ad Pier Silvio Berlusconi ha spiegato che “l’ingresso amichevole in ProSiebenSat.1 è una scelta di lungo periodo per creare valore in una logica sempre più internazionale. E rafforza i nostri rapporti industriali. Mediaset investe con orgoglio nel futuro della tv free europea. E proprio pensando al futuro, l’ingresso anche nell’azionariato di ProSiebenSat.1 è una dimostrazione concreta di stima da parte del Gruppo Mediaset per l’attuale management”.

Secondo Pier Silvio Berlusconi “il veloce processo di globalizzazione che condiziona lo scenario internazionale vede infatti noi operatori media europei nella necessità di unire le forze per continuare a competere o anche solo
resistere in termini di identità culturale europea a eventuali ingressi ostili dei giganti globali”.

L’investimento annunciato oggi, spiega Mediaset nella sua nota, non avrà alcun effetto sulle valutazioni che il cda del prossimo 25 luglio dovrà effettuare in merito alla proposta di distribuzione di dividendi (un’altrenativa alle mosse di M&A).

In Borsa le azioni Mediaset reagiscono con cautela: dopo un avvio in leggero rialzo alle ore 10,17 il titolo cede lo 0,65% a 2,601 euro; Prosiebensat-1 avanza a Francoforte di circa il 5%.

Notizie Flash!

 

 

 

 

Boing è stato inseritto su Mediaset Play. www.mediasetplay.mediaset.it

PARAMOUNT CHANNEL DIVENTA… PARAMOUNT NETWORK!

Nel MUX TIMB1 (47 UHF) è stata aggiunta Radio Freccia con LCN 758 e identificativo FRECCIA.

Mediaset, Gerardo Greco via dal TG4. Arriva Rosanna Ragusa

Mediaset, finisce la direzione di Gerardo Greco al Tg4. Nominata Rosanna Ragusa.

Davide Damiani a Radio Zeta l’Italiana.

Ora Auditel rileva anche i device digitali.

DTT. I canali 45 e 55 di Sony a Mediaset per riposizionare Italia 2 in luogo del 66 e lanciare due altri prodotti?

MEDIASET, 45, 55, 66, sony

 

Il 31 gennaio avevamo lanciato l’indiscrezione che voleva un interessamento di Mediaset per gli LCN 55 (Cine Sony) e 45 (Pop) di Sony Pictures Television  rilevati da Retecapri solo due anni fa. Ora tale rumor sembrerebbe aver trovato conferma con la definizione di un deal per rilevare entrambi i canali da parte del Biscione.
Il disimpegno  di Sony dalla piattaforma terrestre consegue alla consapevolezza che il modello IP on demand di Netflix si è consolidato più velocemente del previsto, cambiando pesantemente la fruizione di film e fiction.
Abbiamo già scritto numerose volte che la possibilità di accedere ad un’offerta “cinema” enorme, di qualità, low cost e, soprattutto, quando si vuole e si può vedere quel che si preferisce senza dipendere dagli orari prefissati della tv lineare, sta inducendo tutti i player della tv tradizionale (quella via etere) a cambiare schemi di programmazione consolidata, nella direzione dell’informazione, dell’approfondimento, dello sport, dell’intrattenimento, della musica (visual radio in particolare) e dell’infotainment.

“Non c’è futuro per canali DTT di soli film e serie televisive: l’erosione dei servizi di streaming video on demand sarà progressiva ed inarrestabile e dal 2022, con l’introduzione del 5G e le smart tv potenzialmente connesse ad internet che costituiranno il 90% del parco tv, l’aggressione dell’IP sull’etere sarà insostenibile da parte degli attuali player del DTT – commenta Giulia Cozzi della practice Radio-Tv 4.0 di Consultmedia (struttura di competenze a più livelli collegata a questo periodico). – Non devono quindi stupire i processi di disimpegno da canali tarati su un modello che presto i telespettatori considereranno anacronistico”.
Tuttavia, per un certo tipo di contenuto, come il real time, il DTT è tuttora imprescindibile ed è per questo che alla notizia della volontà di Sony di alienare gli asset del digitale tv terrestre si sono fatti avanti almeno quattro operatori.

I pretendenti per i canali 55 e 45 sarebbero stati diversi. Anzitutto Viacom, inizialmente considerata favorita perché già concessionaria della pubblicità dei due canali (attraverso Viacom Pubblicità & Brand Solutions), soprattutto per il canale 45 (il player vuole espandere l’attività nell’area visto il successo di Nicke­lodeon in esclusiva su Sky), LCN su cui aveva mostrato appetito anche De Agostini (già editore di Alpha su LCN 59 e Super! sul 47 in joint venture con Viacom), pure interessata al target bambini/ragazzi (ma che avrebbe potuto decidere di non entrare in competizione con Viacom, preferendo definire una joint venture con essa), ma anche Fox, che sotto il nuovo cappello della Disney (che presenterà ad aprile il proprio servizio di SVOD in aperta competizione con Netflix) ha il core sulla stessa tipologia di pubblico.
Tuttavia ad essere arrivata ad un punto conclusivo delle negoziazioni, secondo fonti autorevoli di stampa economico-finanziaria, sarebbe stata Mediaset, che avrebbe formulato in questi giorni un’offerta interessante che prevederebbe anche l’acquisto del canale 55 per la ricollocazione di Italia 2 da LCN 120, accantonando “l’ipotesi 66”, LCN pure rilevato da Retecapri, ma vincolato dal carattere musicale che ne limita la sfruttabilità al 30% della programmazione (seppur favorito dal fatto di essere il doppio 6 del canale principale Italia 1).
Per tale canale NL conferma la circolazione di indiscrezioni su una prossima destinazione ad una radio del gruppo.  (E.G. per NL)

Tutti i canali Mediaset free su Sky

 

Mediaset premium sky

 

 

A breve tutti i canali Mediaset free sbarcheranno su Sky

Tra breve i canali Mediaset free saranno ricevibili sul satellite per gli abbonati Sky.

Dopo lo sbarco di Canale 5 sulla piattaforma satellitare a pagamento (canale 105), anche gli altri canali del Biscione presenti sulle frequenze del satellite HotBird 13° Est hanno ricevuto la codifica NDS, sistema che cripta i canali su Sky.
Questo significa che nelle prossime ore potranno essere visibili sui decoder Sky HD, My Sky e Sky Q.

Sono pronti ad essere attivati su Sky Italia 1 (SD e HD), Rete 4 (SD e HD) e i canali tematici 20 Mediaset (SD e HD) Iris, La5, Focus, Mediaset Italia Due, Mediaset Extra, Top Crime.

I canali non hanno ancora la numerazione LCN ufficiale Sky ma è già possibile sintonizzarli sui decoder grazie alla ricerca ALTRI CANALI SAT. (digital-news.it)